Otros temas

Autores

Archivo de entradas

5402 Artículos. - 86009 Comentarios.

Declaración en el avión

Pregunta sobre España seleccionada por el portavoz del Vaticano entre las seleccionadas por él para el encuentro del papa con los priodistas en el vuelo Roma-Santiago, según publicada en italiano por vatican.va:

 

P. Lombardi. In questi mesi si sta avviando il nuovo Dicastero per la “nuova evangelizzazione”. E molti si sono domandati se proprio la Spagna, con gli sviluppi della secolarizzazione e della diminuzione rapida della pratica religiosa, sia uno dei Paesi a cui Lei ha pensato come obiettivo per questo nuovo Dicastero, o addirittura se non ne sia l’obiettivo principale. Questa è la nostra domanda.

Il Santo Padre. Con questo Dicastero ho pensato di per sé al mondo intero perché la novità del pensiero, la difficoltà di pensare nei concetti della Scrittura, della teologia, è universale, ma c’è naturalmente un centro e questo è il mondo occidentale con il suo secolarismo, la sua laicità, e la continuità della fede che deve cercare di rinnovarsi per essere fede oggi e per rispondere alla sfida della laicità. Nell’Occidente tutti i grandi Paesi hanno il loro proprio modo di vivere questo problema: abbiamo avuto ad esempio i viaggi in Francia, nella Repubblica Ceca, nel Regno Unito, dove dappertutto è presente in modo specifico per ciascuna nazione, per ciascuna storia, lo stesso problema, e questo vale anche in modo forte per la Spagna. La Spagna è stata, da sempre, un Paese “originario” della fede; pensiamo che la rinascita del cattolicesimo nell’epoca moderna avviene soprattutto grazie alla Spagna; figure come sant’Ignazio di Loyola, santa Teresa d’Avila e san Giovanni d’Avila, sono figure che hanno realmente rinnovato il cattolicesimo, hanno formato la fisionomia del cattolicesimo moderno. Ma è ugualmente vero che in Spagna è nata anche una laicità, un anticlericalismo, un secolarismo forte e aggressivo, come abbiamo visto proprio negli anni Trenta, e questa disputa, più questo scontro tra fede e modernità, ambedue molto vivaci, si realizza anche oggi di nuovo in Spagna: perciò per il futuro della fede e dell’incontro – non lo scontro, ma l’incontro tra fede e laicità – ha un punto centrale anche proprio nella cultura spagnola. In questo senso, ho pensato a tutti i grandi Paesi dell’Occidente, ma soprattutto anche alla Spagna.

Nota: Como las palabras están recogidas en vídeo, ¿alguien encuentra alguna variantre entre lo transcrito en esta página oficial y lo dicho efectivamente? A veces esos retoques posteriores son los que provocan confusión.

———

Traducción al español del párrafo más polémico:

 Pero también es verdad que en España nació una licidad, un anticlericalismo, un secularismo fuerte y agresivo, como vimos precisamente en los años Trinta, y esta dispura, wa más, este choque entre fe y modernidad, ambas muy vivaces, se realiza también hoy en España: por eso, el futuro de la fe y del encuentro –no el choque, sino el encuentro entre fe y laicidad– tiene un lugar central precisamente en la cultura española. En este sentido, he penado en todos los grandes Países de Occidente, pero sobre todo también en España.